La comunicazione aziendale passa anche attraverso i video

videocameraIl video sta diventando una risorsa sempre più importante nella comunicazione. Servizi come Youtube e Vimeo e, più recentemente, social network come Vine e Istagram hanno sdoganato questo modo di comunicare, rendendolo alla portata di tutti. Anche, e soprattutto delle aziende, che stanno scoprendo l’immediatezza delle immagini ed esplorando questo nuovo strumento, per far conoscere la propria realtà aziendale a clienti e potenziali tali. Dal semplice intrattenimento al più tradizionale concetto di video istituzionale o advertising, passando per i video-tutorial.
Insieme a questo trend si sviluppano esigenze in termini di IT, a cui Alcatel-Lucent risponde con il sistema OpenTouch Video Store (Otvs). Sfruttando la tecnologia dei Bell Labs, Alcatel-Lucent agevola l’utilizzo dei video come risorse aziendali e permettendo l’accesso istantaneo a questi big data. Otvs è una soluzione video hosted Software as a Service (SaaS) cloud-based, che fornisce ai dipendenti un canale video aziendale simile a YouTube. Questi potranno così creare e condividere contenuti video, sicuri e riservati, in modalità hosted, tramite qualsiasi dispositivo dotato di videocamera e da qualsiasi sede aziendale.
Unendo a Otvs la suite OpenTouch si avrà a disposizione un sistema multimediale completo, con una migliore user experience, in quanto l’accesso e la condivisione dei video sarà possibile in modo più capillare. In poche parole, grazie a Otvs tutti i dipendenti, i clienti e i fornitori diventeranno non solo spettatori della nostra tv aziendale, ma ne saranno anche i creatori di contenuti.

BYOD: dalle aziende alle scuole

St. Anne's CollegeIl caso del prestigioso college inglese St. Anne’s College, che segue l’esempio della University of Portsmouth, dimostra di come la tendenza del BYOD stia valicando i confini delle grandi aziende per coinvolgere diverse realtà, come quella dell’istruzione. Read more

Cloud per PMI italiane

OpenTouch Suite for ClodL’adozione del Cloud da parte delle PMI italiane deriva dalla necessità di rispondere alla richiesta sempre più pressante di erogare servizi a distanza. Questa necessità riguarda tutte le aziende, indipendentemente dal mercato in cui operano.
Questo perché quando parliamo di servizi a distanza ci riferiamo banalmente a processi interni a qualsiasi impresa: dalla condivisione di informazioni con la propria rete commerciale, all’accesso di dati a diversi attori e da diverse piattaforme. Read more

Come rispondere a tutti i clienti

servizi-telefoniciSpesso ci capita di trovare clienti che desiderano integrare soluzioni avanzate di Unified Communications, Call Center o CTI spinti dall’esigenza di assicurare ai loro clienti una risposta sicura e veloce. Decidono di spingersi in investimenti onerosi e in sistemi che implicano un’organizzazione interna non naturale per una PMI.
Andando ad analizzare insieme a loro il modo in cui attualmente usano il centralino telefonico ci accorgiamo a volte, purtroppo non così raramente,  che in realtà non stanno ancora sfruttando a pieno le funzionalità di base del loro centralino. Spesso questo è causato solo da una non precisa spiegazione da parte degli installatori, oppure da una vecchia pratica di gestione delle telefonate interne all’azienda.
Vediamo insieme come può una piccola azienda dare un servizio altamente professionale senza dover trasformare o cambiare il sistema telefonico già in suo possesso, in pratica risparmiando un investimento non necessario.

Posto Operatore

Il Posto Operatore (PO) non è altro che il telefono principale all’interno di un’azienda di qualsiasi dimensione. Ogni centralino ne può avere più di uno ovviamente. Il posto operatore per definizione si occupa di ricevere, gestire e smistare, tutte le chiamate entranti verso i numeri aziendali. Spesso però la persona che ha il PO non riesce a gestire tutte le chiamate contemporaneamente ed alcune possono non essere risposte o peggio restare in attesa per troppo tempo e quindi essere chiuse da chi ci chiama.
La soluzione è semplice. Usare i messaggi di cortesia, registrare un messaggio che appena una persona ci chiama inizia ad intrattenere il cliente. Nel frattempo il posto operatore squilla facendo presente alla persona addetta che ha una chiamata in coda.
Bisogna sempre ricordarsi che il posto operatore deve essere una via di solo passaggio per le telefonate. La persona che se ne occupa deve rispondere e in pochi secondi trasferire la chiamata ad altri per non intasare le code di attesa.

Aiuto Posto Operatore

Molto spesso ci sono orari o giorni in cui il numero di chiamate contemporanee è troppo alto per essere gestito da un’unica persona. Per questo esiste un semplice servizio che si può programmare su qualsiasi tasto di un apparecchio predisposto, il quale attivandolo inserisce il telefono nel gruppo posto operatore, raddoppiando immediatamente le risorse disponibili per servire le chiamate entranti.
Una volta terminato il periodo di massima richiesta basterà premere nuovamente il tasto sul telefono in aiuto e tutto tornerà come prima, ossia un unico posto operatore aziendale.

Pickup

Il pickup è un semplice ma veloce servizio che permette di rispondere ad una telefonata di un nostro collega. Si può usare direttamente tramite un codice programmato nel centralino, ad esempio digitando sulla tastiera del telefono 11, oppure programmando un tasto degli apparecchi.
La situazione migliore è quella di creare dei gruppi in cui inserire tutti gli interni che fanno parte della stessa stanza. Programmare così un tasto su ogni apparecchio del gruppo in modo tale da dover compiere una sola operazione e dare una risposta immediata al cliente che sta cercando il nostro collega.

Segreteria Telefonica

La segreteria telefonica è il modo migliore per esaudire due aspetti fondamentali di una chiamata in ingresso. Prima di tutto si risponde immediatamente al cliente che ci sta cercando con un messaggio professionale. Secondo diamo la possibilità al cliente di lasciare un messaggio in modo tale da essere richiamato con le informazioni richieste senza riprendere da zero il discorso.
Sembra poco importante questo aspetto ma non lo è.

Messaggi di Cortesia

Ogni azienda dovrebbe avere almeno tre messaggi di cortesia per gestire le tre situazioni più comuni e quotidiane.
Partiamo subito con il Messaggio Giorno. Il messaggio giorno non è altro che il messaggio che si attiva non appena la chiamata arriva al nostro centralino. non fa altro che dare il benvenuto ed avvertire di qualsivoglia informazione, anche commerciale se volete.
Il Messaggio Notte. Questo messaggio deve intervenire in tutte le fasce orario in cui l’azienda è chiusa, come ad esempio in pausa pranzo, dopo le 18:00 e nel fine settimana.
Il Messaggio Operatori Occupati. Questo messaggio ci aiuta a gestire la pazienza dei clienti, interviene infatti ogni qualvolta una chiamata squilla per più di tre volte (15 secondi) avvertendo il cliente che gli operatori sono momentaneamente occupati ma che saranno disponibili in breve tempo.
Con questi semplici e veloci messaggi di cortesia ogni telefonata avrà come punto di partenza un umore e una predisposizione migliore rispetto al classico tono di libero.

Conclusioni

Ci sono sicuramente altri servizi che possono aiutare una piccola azienda a gestire al meglio le chiamate in ingresso come ad esempio l’assistente personale, IVR, operatore automatico e molti altri. Questi però solo statisticamente i servizi che a costo zero aiutano decine di migliaia di aziende a dare una risposta efficace e veloce alla chiamate in ingresso, diminuendo il numero di chiamate perse e dimezzando i tempi di risposta.
E’ sempre buona norma assicurarsi di usare il proprio centralino telefonico al meglio prima di arrivare a conclusioni errate, non sempre cambiare è la soluzione, meglio sfruttare al 100% quello che si ha e in caso non basti integrare nuovi servizi.

Il VoIP in azienda

pimphonySpesso vi parliamo di servizi VoIP e soluzioni di Unified Communication come mezzi per ottenere una migliore comunicazione aziendale diminuendo i costi ma aumentando la produttività.
Ora vorremmo focalizzare il discorso più sulla pratica. Utilizzare sistemi VoIP in azienda non è sempre facile, o quantomeno, non sempre appare come un buon investimento per gli imprenditori che non hanno ben chiari pregi e difetti. Analiziamo alcuni punti fondamentali.

Costi di mantenimento

Tutte le aziende che hanno due reti di comunicazione separate una per i telefoni e una per i computer, che in gergo si chiamano Fonia e Dati, devono mantenere due sistemi diversi. Se un cavo del telefono si guasta dovrà intervenire l’aziende che ha la manutenzione di tale sistema, mentre se un computer ha un problema nella connessione dovrà occuparsene il tecnico dei pc. Molto spesso le manutenzioni delle reti interne sono a cura di due assistenze differenti.
Cosa significa e quanto incide alla fine nei costi?
Significa semplicemente che ogni azienda deve avere in atto due contratti di manutenzione per gestire le reti di comunicazione interne, non che sia sbagliato, ma un po dispersivo e costoso si.
Se invece di separare le strutture si progetta una rete IP unica dove far passare sia la fonia che i dati, si avrà da subito un risparmio netto pari al costo della manutenzione per la rete fonia di vecchia generazione. Storicamente è la rete fonia ad essere data in gestione all’esterno. Non male come inizio, provate a parlarne con il vostro capo.

Facilità di gestione

In ogni realtà aziendale ci si trova prima o poi a dover fare degli spostamenti di uffici, di personale, di mobili. In questi casi la rete telefonica tradizione ci obbliga ad intervenire sul posto per spostare cavi e cambiare alcune configurazioni sulla centrale telefonica per fare in modo che la persona che si sposta continui ad avere lo stesso numero interno e gli stessi servizi di sempre.
Anche qui la rete fonia su IP ci viene in soccorso. Se un impiegato che ha un telefono VoIP interno deve cambiare ufficio, spostandosi di stanza o di piano, basterà che prenda con se il proprio apparecchio e che lo attacchi alla presa che troverà nella nuova sistemazione.
Nessun personale tecnico interno o esterno deve intervenire, automaticamente il telefono prenderà tutte le configurazione che aveva prima del trasloco. Comodo che dite?

Possibilità di collaborare

La parola chiave di questi anni è Unified Communication. Cosa significa nella pratica?
Semplicemente è la possibilità di unire diversi modi di comunicare in un unico servizio disponibile a tutti i dipendenti su diversi dispositivi e, a scelta, anche quando si è fuori azienda. Questo modo di comunicare sta trasformando il modo in cui tutti noi lavoriamo quotidianamente.
Oggi se voglio sapere la disponibilità di un mio collega o di un mio responsabile posso controllare il calendario condiviso, controllare se è in chat, inviargli un sms dall’interfaccia del mio telefono IP, organizzare una video chiamata con lui per discutere del lavoro. In pratica non devo perdere tempo a chiedere ad altri colleghi se sanno dov’è e quando torna.
L’uso di applicazioni su PC che possono gestire ed integrarsi con il telefono aziendale ha aumentato la nostra produttività eliminando i tempi morti e la frustrazione personale nel momento in cui non eravamo in grado di reperire le informazioni necessarie al nostro quotidiano.
Si va più veloci perché abbiamo a disposizione tutti gli strumenti per contattare e collaborare i membri del nostro gruppo di lavoro. In più questi servizi sono gli stessi che usiamo con amici e parenti, quindi la facilità di utilizzo migliora l’apprendimento e trasforma una novità in un aiuto concreto.

Conclusioni

La nostra idea di VoIP in azienda è molto semplice. Crediamo, e vediamo con i nostri clienti, che i servizi di telefonia su IP aiutano la comunicazione interna, diminuiscono i costi di quella esterna e soprattutto sono molto semplici da gestire.
Un prodotto per essere valido non deve avere un certo tipo di colore, essere di una determinata marca o avere un costo elevato. La caratteristica su cui noi ci siamo sempre concentrati è la qualità del servizio reso al nostro cliente. Ogni azienda che decide di passare alla telefonia IP, e che dopo qualche mese ci contatta per aumentare i servizi, è la prova che uno studio adeguato e una ricerca sul mercato mirata e condivisa, può migliorare il modo di lavorare in ogni realtà aziendale.
La differenza sono sempre i servizi che un prodotto può offrire e la facilità con cui un utente li può usare al massimo delle loro possibilità, tutto il resto è solo marketing.

Smart grid e smart home ma cosa sono?

Smart Grid secondo Alcatel-LucentProprio nel momento in cui l’economia europea e mondiale stenta a ripartire le grandi aziende tecnologiche puntano sempre più su sistemi Smart integrati. Ma cosa significa nella pratica?
Il concetto principale delle Smart Grid è l’integrazione della tecnologia in ogni aspetto della vita quotidiana. Hardware e software progettati e sviluppati per lavora insieme sotto il controllo umano o in modo automatico.
La differenza con i classici sistemi di automazione e domotica è la possibilità di sfruttare la rete e il cloud per la gestione, la configurazione e la manutenzione di questi sistemi tanto in casa quanto in azienda.
In ambienti business avremo la possibilità di gestire edifici tramite una singola applicazione. Aria condizionata, riscaldamenti, allarmi e punti di presenza sono solo alcuni. In casa oltre alle classiche operazioni svolte tramite la domotica potremo sapere come stanno lavorando tutti i sistemi in tempo reale. Ad esempio sapremo il consumo dell’impianto elettrico, o meglio ancora quanta energia elettrica sta producendo il nostro impianto fotovoltaico.
Sono esempi reali e concreti dell’ormai famoso “Internet delle Cose” ossia apparecchiature che grazie alla rete possono dialogare fra loro ed essere gestite da un unico punto distante o vicino.
Per farvi capire meglio di cosa si tratta eccovi un breve video di Alcatel-Lucent, una delle prime aziende impegnate nelle sviluppo di tecnologie e sistemi ad alta automazione, in cui si mostrano diverse attività tutte racchiuse nelle Smart Grid.