Il Wi-Fi libero è un rischio o una garanzia?

WiFi libero
WiFi libero rischio o garanzia?

La domanda sorge spontanea e non è per nulla scontata: perchè i politici ed alte sfere della polizia (come il capo dell’antimafia Grasso) hanno paura della liberalizzazione del Wi-fi?
La domanda, come dicevo, sorge spontanea ed è legittimata dal pensiero parallelo, pensiero che formula subito una conclusione: se uno come Grasso ha paura del wi-fi libero probabilmente ha ragione ed è il caso di dargli retta.
Quello che spesso non si vuole prendere in considerazione è un fattore fondamentale ovvero: uno come Grasso ha davvero la percezione della portata del problema? Uno come Pisanu, che ha scritto la legge che oggi imbavaglia le reti wireless è ed era davvero in grado di scrivere una legge su questo argomento?
Non è una cosa normale che in Italia ad occuparsi dei problemi vi si trovi sempre chi dei problemi non ha una immagine chiara?
Ora, per cercare di dipanare queste domande diamo la parola a Marco Montemagno, “guru” del Web italiano e fondatore di Blogosfere, che attraverso una interessante intervista di Claudio Messora, della quale prendiamo un breve tratto, ci spiega il perchè il Web libero non ci deve fare paura.
 
Claudio Messora: Ieri il ministro Maroni ha annunciato che non intende prorogare il Decreto Pisanu e che quindi dal primo di gennaio prossimo anche in Italia liberalizzeremo il Wi-Fi.
Marco Montemagno: Io ho dato la notizia positivamente, perché è giusto essere ottimisti. Io poi faccio l’imprenditore per cui il mio settore si basa sull’idea di lanciare dei progetti web, per cui c’è bisogno che internet ci sia. Il problema vero è che c’è un impegno formale a non reiterare il Decreto Pisanu, ma poi c’è la grande incognita: questo disegno di legge – che dovrà essere presentato e di cui non si conoscono bene i contenuti – con cui si proporrà la regolamentazione dell’accesso è la cosa più pericolosa, perché magari poi scopriamo che c’è sempre una forma di controllo di un tipo o dell’altro. Quindi questa è la grande incognita. Diciamo quindi che il lato positivo è che si muove qualcosa, e che almeno così Pisanu non viene riproposto come negli ultimi anni, e il lato negativo è che al posto di essere una netta presa di posizione si rimanda come al solito a un Disegno di Legge e sappiamo come vanno poi queste cose. Direi quindi di tenere gli occhi aperti tutti quanti per cercare di evitare che l’Italia rimanga indietro, come sempre, in questo settore.
Claudio Messora: Qual’è la tua posizione sull’effettiva necessità di un controllo delle connessioni a internet? Tu credi che la liberalizzazione del Wi-Fi debba significare l’accesso libero, indiscriminato alla rete senza procedure, meccanismi di controllo, oppure ci vuole un qualche meccanismo di qualche tipo, che poi sia la telefonata con l’sms, il riconoscimento di una sim o cose di questo genere?
Marco Montemagno: Io di default (di base) non sono per il controllo. Per usare una vecchia frase di David Weinberger “Control doesn’t scale”: il controllo non scala. Non esiste in questo momento la possibilità di controllare una mole di dati così grande. Non esiste in Cina, dove un intero paese destina una cifra megagalattica al controllo, quindi… Da un lato non credo nella reale applicabilità di un controllo quando si parla di accedere a terabyte di dati come accade in rete, dall’altro lato penso che per l’opinione pubblica ci sia un fraintendimento tra quello che è la libertà di accesso alla rete e la libertà di poter fare quello che si vuole. Si confonde il fatto che io possa avere un libero accesso ad internet – che dal mio punto di vista è sacrosanto e sarà così in ogni caso, che lo voglia l’Italia o non lo voglia perché la direzione è questa, cioè tutti abbiamo internet embeddato nel nostro dna – con un aspetto di etica, di responsabilità sul fatto che quello che uno fa il rete è assolutamente soggetto alle normative vigenti, quindi ognuno si assume la responsabilità di quello che fa online, e da questo punto di vista non vedo nessun problema. Poi resta scoperto il tema del ‘ma la pedopornografia’, ‘ma i terroristi’, ‘ma la mafia’… Dal mio punto di vista se uno è un delinquente non è che si presenta con la carta di identità all’internet cafè di piazzale Barberini a Roma e dice: “Salve sono un terrorista, mi collego e adesso faccio un atto di terrorismo”. Quindi bisogna anche essere seri secondo me in queste cose…
Claudio Messora: …e caso mai la presenta anche falsa.
Marco Montemagno: Esatto. I casi sono due: o è un delinquente serio o non lo è. Se è un delinquente serio bypassa in ogni caso il controllo. Se uno non è un delinquente serio probabilmente non c’è neanche bisogno di un controllo, perché è uno talmente sprovveduto che probabilmente lo si prende facilmente. Quindi c’è molta confusione. Mi dispiace che Grasso peraltro ieri mi abbia anche attaccato personalmente perché ci vede come degli esaltati o come dei tecnofanatici. Secondo me tutti quelli che hanno a cuore la rete vogliono semplicemente che ci sia una connessione, che l’Italia vada avanti, che non vada avanti una generazione di analfabeti digitali. Vogliamo avere le opportunità che hanno gli altri posti del mondo, con le responsabilità, l’etica e tutto quello che consegue dall’avere un atteggiamento civile in rete. Nessuno vuole fare delle follie. Quindi mi sembra che come al solito internet logori chi non ce l’ha.
 
Per leggere il testo intero dell’intervista andate al sito byoblu.com ma quello che ci preme fare capire e divulgare il più possibile è il fatto che spesso le alte sfere della nostra politica non capiscono in profondità i problemi e che Internet è una opportunità e come tale deve essere libero ed aperto a tutti.