Questione di neutralità: l’opinione dell’Autorità per le garanzia alla comunicazione

Neutralità della rete
Questione di neutralità

E’ l’Autorità per le garanzie alla comunicazione (AGICOM) a definire due distinte fasi di elaborazione di un’indagine dal titolo garanzie dei consumatori e tutela della concorrenza con riferimento ai servizi VoIP e P2P su rete mobile.
I protagonisti di questo dibattito, oltre all’Autorità, saranno anche i cosiddetti stakeholder, cioè tutti i soggetti del mercato interessati alla tematica,  che saranno impegnati a discutere di neutralità della rete, servizi legati al P2P, soluzioni Voip per i protocolli di trasmissione voce.
L’esigenza di parlare di soluzioni Voip e neutralità della rete avrà luogo in due distinte fasi di consultazione.
Questa indagine, che ha già sfruttato in passato un terreno molto fertile analizzando “le nuove logiche e tecniche commerciali che governano il mercato delle comunicazioni mobili e personali, ha non solo valenza giuridica ma anche economica e regolamentare.
E’ soprattutto l’esigenza alla regolamentazione a spingere queste due distinte fasi, che si apre con l’esigenza di capire quanto la rete sia in effetti neutrale, rispetto ad alcune domande poste agli stakeholder.
I lavori dell’autorità rispetto alla valutaizone dei servizi e soluzioni Voip per i protocolli di trasmissione voce aveva già avuto un’interessante anticipazione a gennaio, con un tema molto caldo e sentito: evitare la discriminazione di servizi e contenuti web da parte degli operatori del settore.
E’ possibile parlare in quest’ottica della tutela dei consumatori e del mercato, inteso come luogo di forze concorrenti e sempre in moviemento? L’AGCOM spera di sì, a partire anche da questa consultazione che si propone di rispondere a queste annose questioni.
E’ nel resto del mondo? L’America è come sempre il territorio più vivo rispetto al dibattito, anche se per molti aspetti le questioni che parlano di neutralità sono controverse. La Federal Communications Commission (FCC) non riesce a inculcare nelle istituzioni questa esigenza, trovando forse resistenza nei confronti di questi problemi di natura etica.